.feed-links { display:none; } -->
Italy English Español Portugeus Belgium Netherland Français Deutsch Israel Seguci su: Twitter Seguci su: Facebook Seguci su: Twitter Instagram IN RETE DAL 2005

Perché Dio ha tanto amato il mondo che, ha dato il Suo Unigenito Figlio, affinché chiunque crede in Lui non perisca, ma abbia vita eterna. Giovanni 3:16 |

ULTIME NOTIZIE - EDAP: Evangelo Dottrina Avvento Profetico

▼ PRIMO PIANO ▼

lunedì 6 febbraio 2017

DOTTRINA. Le dieci regole per il buon andamento della famiglia

LE DIECI REGOLE D'ORO IN FAMIGLIA

Sappiate ascoltare con attenzione il vostro coniuge e non gli rispondete se non quando avrà finito di parlare.

Rispondere prima di ascoltare è pura follia e vergognosa stupidità. (Proverbi 18,13)
Ricordate una cosa, fratelli carissimi: ognuno deve essere pronto ad ascoltare, ma lento a parlare e lento a lasciarsi prendere dalla collera. (Lettera di Giacomo 1,19)


Temporeggiate prima di parlare. Prima di tutto riflettete. Quindi parlate in modo tale che il vostro coniuge capisca bene quello che intendete dirgli.

Il giusto riflette prima di rispondere, i malvagi vomitano sciocchezze. (Proverbi 15,28)

Dite sempre la verità ma con amore. Non esagerate in nulla.

Perciò, basta con le menzogne! Come insegna la Bibbia, ciascuno dica la verità al suo prossimo, perché noi tutti formiamo un unico corpo. (Lettera agli Efesini 4,25)
Non ci sia falsità quando parlate tra voi, perché voi avete abbandonato la vecchia vita e le sue azioni, come si mette via un vestito vecchio. (Lettera ai Colossesi 3,9)

Non adoperate il silenzio per isolare il vostro coniuge, ma spiegate le cause della vostra esitazione.

Un tempo vivevate nelle tenebre: ora, invece, uniti al Signore, voi vivete nella luce. Comportatevi dunque da figli della luce: bontà, giustizia e verità sono i suoi frutti. Cercate ciò che piace al Signore. (Lettera agli Efesini 5,8-10)

Non litigate. Non dimenticate che è possibile che il vostro coniuge abbia un'opinione diversa dalla vostra, senza che per questo si giunga a un alterco.

Cominciare un litigio è come forare una diga; prima che scoppi la rissa, abbandona il campo. (Proverbi 17,14)
È un onore evitare le polemiche, ma gli sciocchi sono sempre pronti a litigare. (Proverbi 20,3)

Le vostre risposte siano presentate con amabilità. Non replicate mai con collera.

Molta pazienza, molta sapienza, chi è irascibile mostra stoltezza. (Proverbi 14,29)
Una risposta gentile calma la collera, una parola pungente eccita l'ira. (Proverbi 15,1)

Sappiate riconoscere i vostri torti e chiederne perdono.

Confessatevi a vicenda i vostri peccati e pregate gli uni per gli altri, così che possiate guarire. La preghiera sincera di una persona buona è molto potente. (Lettera di Giacomo 5,16)
Sopportatevi a vicenda: se avete motivo di lamentarvi degli altri, siate pronti a perdonare, come il Signore ha perdonato voi. (Lettera ai Colossesi 3,13)

Cessate di opprimere il vostro consorte con lamentele di ogni specie. Astenetevi dal tormentarlo con continue provocazioni.

Chi fa molte chiacchiere cadrà in peccato, invece è saggio chi sa frenare la lingua. (Proverbi 10,19)
Chi ama l'amicizia dimentica i torti; chi ricorda le offese si allontana gli amici. (Proverbi 17,9)

Non criticate il vostro coniuge e non lo biasimate, ma in ogni circostanza cercate di incoraggiarlo e di edificarlo.

Amatevi gli uni gli altri, come fratelli. Siate premurosi nello stimarvi gli uni gli altri. (Lettera ai Romani 12,10)
Non rendete a nessuno male per male. Preoccupatevi di fare il bene dinanzi a tutti. (Lettera ai Romani 12,17)

Non fate il male a chi vi fa del male, non rispondete con insulti a chi vi insulta; al contrario, rispondete con buone parole, perché anche Dio vi ha chiamati a ricevere le sue benedizioni. (1 Lettera di Pietro 3,9)

Sforzatevi di comprendere il vostro coniuge, prima ancora di essere compresi. Siate tolleranti e prendete a cuore gli interessi, di qualsiasi genere, del vostro consorte.

Abbiate gli stessi sentimenti e un medesimo amore. Siate concordi e unanimi! Non fate nulla per invidia e per vanto, anzi, con grande umiltà, stimate gli altri migliori di voi. Badate agli interessi degli altri e non soltanto ai vostri. I vostri rapporti reciproci siano fondati sul fatto che siete uniti a Cristo Gesù. (Lettera ai Filippesi 2,2-5)

Perciò, io che sono prigioniero a causa del Signore, vi raccomando: fate in modo che la nostra vita sia degna della vocazione che avete ricevuto! Siate sempre umili, cordiali e pazienti; sopportatevi l'un l'altro con amore; cercate di conservare, per mezzo della pace che vi unisce, quella unità che viene dallo Spirito Santo. (Lettera agli Efesini 4,1-3).

Fonte: BlogAdullam

VARIE TESTMONIANZE CRISTIANE

}, 10);