.feed-links { display:none; } -->
Italy English Español Portugeus Belgium Netherland Français Deutsch Israel Seguci su: Twitter Seguci su: Facebook Seguci su: Twitter Instagram IN RETE DAL 2005

Perché Dio ha tanto amato il mondo che, ha dato il Suo Unigenito Figlio, affinché chiunque crede in Lui non perisca, ma abbia vita eterna. Giovanni 3:16 |

ULTIME NOTIZIE - EDAP: Evangelo Dottrina Avvento Profetico

▼ PRIMO PIANO ▼

domenica 5 febbraio 2017

NOTIZIE. Suora alla tv spagnola: «Maria faceva sesso con Giuseppe» , infuria la polemica.

Ma a scendere al fianco di Suor Lucia Caram, per prendere le sue difese, l' arcivescovo di Tánger, Santiago Agrelo.

Molto clamore ha suscitato l'intervista di Suor Lucia Caram, una a religiosa argentina mediaticamente molto famosa, trapiantata a Barcellona. La polemica è anche rimbalzata su alcuni quotidiani italiani, che però ne hanno dato una lettura superficiale, senza dare conto di qualche voce importante fuori dal coro, accorsa a dare man forte alla religiosa.


Ma veniamo alla vicenda.

Durante un'intervista, rilasciata ad una popolare trasmissione televisiva spagnola, Suor Lucia ha affermato che secondo lei, Maria madre di Gesù e Giuseppe, avrebbero avuto relazioni sessuali proprio come ogni altra coppia di sposo normali. Tanto è bastato per scatenare una furibonda polemica.

La religiosa era stata invitata dal programma `Chester in Love´ della tv privata Cuatro a parlare di sesso. «Ho rinunciato alle relazioni sessuali, ma sono sempre una donna, sento quello che sento» aveva detto. Per poi parlare della verginità di Maria, dogma chiave del cattolicesimo. «Maria era innamorata di Giuseppe. Erano una coppia normale. Ed è normale fare sesso. Costa crederlo e digerirlo. Ci siamo fermati a norme che abbiamo inventato senza arrivare al vero messaggio».

Per Suor Lucia «ci vuole una rivoluzione» perché «le chiese sono vuote». E il sesso «è una forma per esprimersi, vivere, esprimere sentimenti»: «per la Chiesa è un tema sporco e occulto, ma io credo sia una benedizione».

Il segretario della Conferenza episcopale spagnola mons. José Maria Tamayo ha deplorato «la confusione suscitata nei fedeli». Più di 12mila dei quali hanno firmato una petizione su Change.org per chiedere che venga «sospesa». «Monsignori, questo è uno scandalo gravissimo, un intollerabile affronto alla fede cattolica» tuona il documento, che esige «pubbliche sanzioni».

La suora e persino stata minacciata di morte. Curioso che ci possa essere qualcuno che si erge paladino dei presunti dogmi cristiani, che poi arriva a minacciare di morte una persona per averli messi in discussione.

Ma a scendere al fianco di Suor Lucia Caram, per prendere le sue difese un monsignore, l' arcivescovo di Tánger, Santiago Agrelo, il quale ha affermato “Non ha negato alcun dogma. Ha semplicemente detto che non si scandalizza all'idea che Maria e Giuseppe abbiano potuto avere relazioni coniugali dopo la nascita di Gesù.” Ed ancora: “Non sanno nemmeno leggere e vogliono dare lezioni di teologia. Ignorano l'evangelo, ma si sentono gli unici a sapere che cosa sia voglia dire essere cristiani. Anche se è inutile insistere, vorrei ricordare che una chiesa occupata a parlare della verginità mentre i bambini muoiono di ingiustizia, è una chiesa fuori luogo fuori dalla missione della chiesa, una Chiesa superflua. L'umanità non né ne ha bisogno ", ha scritto il prelato.

In effetti, chi conosce le Scritture* sa perfettamente che Gesù ebbe altri fratelli e sorelle, proprio perché Maria e Giuseppe erano due sposi normali, che dopo il concepimento prodigioso del Figlio di Dio per opera dello Spirito Santo, ebbero una vita coniugale normale.

* “E Giuseppe, destatosi dal sonno, fece come l’angelo del Signore gli avea comandato, e prese con sé sua moglie; e non la conobbe finch’ella non ebbe partorito un figlio; e gli pose nome Gesù.” (Matteo 1:24-25)

“Non è questi il figliuol del falegname? Sua madre non si chiama ella Maria, e i suoi fratelli, Giacomo, Giuseppe, Simone e Giuda? E le sue sorelle non sono tutte fra noi? Donde dunque vengono a lui tutte queste cose?” (Matteo 13:55-56)

“Mentre Gesù parlava ancora alle turbe, ecco sua madre e i suoi fratelli che, fermatisi di fuori, cercavano di parlargli. E uno gli disse: Ecco, tua madre e i tuoi fratelli son la fuori che cercano di parlarti. Ma egli, rispondendo, disse a colui che gli parlava: Chi è mia madre, e chi sono i miei fratelli? E, stendendo la mano sui suoi discepoli, disse: Ecco mia madre e i miei fratelli! Poiché chiunque avrà fatta la volontà del Padre mio che è ne’ cieli, esso mi è fratello e sorella e madre.” (Matteo 12:46-50)

“ Perciò i suoi fratelli gli dissero: Partiti di qua e vattene in Giudea, affinché i tuoi discepoli veggano anch’essi le opere che tu fai. Poiché nessuno fa cosa alcuna in segreto, quando cerca d’esser riconosciuto pubblicamente. Se tu fai codeste cose, palesati al mondo. Poiché neppure i suoi fratelli credevano in lui.” (Giovanni 7:3-5)

Fonte: buonanotizia

VARIE TESTMONIANZE CRISTIANE

}, 10);