.feed-links { display:none; } -->
Italy English Español Portugeus Belgium Netherland Français Deutsch Israel Seguci su: Twitter Seguci su: Facebook Seguci su: Twitter Instagram IN RETE DAL 2005

Perché Dio ha tanto amato il mondo che, ha dato il Suo Unigenito Figlio, affinché chiunque crede in Lui non perisca, ma abbia vita eterna. Giovanni 3:16 |

ULTIME NOTIZIE - EDAP: Evangelo Dottrina Avvento Profetico

▼ PRIMO PIANO ▼

sabato 18 febbraio 2017

VERSETTI. Luca 15,11-32.

Ti dedico due righe, perché tu sappia che Dio non è arrabbiato con te.
Immagina un allenatore di calcio, che dopo vari allenamenti, decide di schierare in campo, alla partita, un ragazzino arrivato in squadra da poco. Durante i minuti finali della partita, il risultato è di 0-0, ma alla loro squadra, viene fischiato un rigore. Viene scelto come tiratore proprio il nuovo ragazzino. Sbaglia. L'allenatore si arrabbia, si pente deluso della propria scelta, e decide di non schierare più in campo il ragazzino, che ha sbagliato il rigore decisivo in una partita importante, smettendo di credere in lui.
Ok, Dio non è come questo allenatore. Dio non resta deluso dopo il tuo errore, non si pente, e non ti caccerà mai dalla squadra. E sai perché? Perché Dio sapeva che tu avresti sbagliato quel rigore già da prima di schierarti in campo!! E nonostante tutto, crede ancora in te!
Lui sa che puoi sbagliare, ma il Suo amore per te è qualcosa di unico che va oltre ogni cosa!
Luca 15,11-32.
Luigi Baccaro

VARIE TESTMONIANZE CRISTIANE

}, 10);