.feed-links { display:none; } -->
Italy English Español Portugeus Belgium Netherland Français Deutsch Israel Seguci su: Twitter Seguci su: Facebook Seguci su: Twitter Instagram IN RETE DAL 2005

Perché Dio ha tanto amato il mondo che, ha dato il Suo Unigenito Figlio, affinché chiunque crede in Lui non perisca, ma abbia vita eterna. Giovanni 3:16 |

ULTIME NOTIZIE - EDAP: Evangelo Dottrina Avvento Profetico

▼ PRIMO PIANO ▼

domenica 5 marzo 2017

VERSETTI. Non adirati e non peccherai

La tradizione rabbinica (Talmud) dice: «Non adirati e non peccherai». Per il rabbinismo non è lecito "arrabbiarsi" (Talmud, Sot., 3a), perché la rabbia potrebbe sfociare nel peccato. Da ciò deduco che, secondo questo precetto, l'ortodosso non sa controllare la propria rabbia.
La Bibbia dice: «Adiratevi e non peccate». Per la Scrittura è lecito "arrabbiarsi", tuttavia la rabbia non deve sfociare in peccato: « [...] il sole non tramonti sulla vostra ira» (Efesini 4:26). Da ciò deduco che il cristiano è in grado di controllare le proprie emozioni.

VARIE TESTMONIANZE CRISTIANE

}, 10);