.feed-links { display:none; } -->
Italy English Español Portugeus Belgium Netherland Français Deutsch Israel Seguci su: Twitter Seguci su: Facebook Seguci su: Twitter Instagram IN RETE DAL 2005

ULTIME NOTIZIE - EDAP: Evangelo Dottrina Avvento Profetico

▼ PRIMO PIANO ▼

giovedì 8 giugno 2017

PUNTI BIBLICI. L’UOMO DI DIO (Prima parte)

Vorrei porre alla vostra attenzione il seguente brano delle Scritture, per poter trarre alcune tracce sul comportamento e sui modi fare (e non fare) e di essere (e non essere) di un Vero servo di Dio, come l’apostolo Paolo.
1 Tessalonicesi 2:1-6
1 Voi stessi, fratelli, sapete che la nostra...
venuta tra voi non è stata vana;

2 anzi, dopo aver prima sofferto e subito oltraggi, come sapete, a Filippi, trovammo il coraggio nel nostro Dio, per annunciarvi il vangelo di Dio in mezzo a molte lotte. 3 Perché la nostra predicazione non proviene da finzione, né da motivi impuri, né è fatta con inganno; 4 ma come siamo stati approvati da Dio che ci ha stimati tali da poterci affidare il vangelo, parliamo in modo da piacere non agli uomini, ma a Dio che prova i nostri cuori. 5 Difatti, non abbiamo mai usato un parlare lusinghevole, come ben sapete, né pretesti ispirati da cupidigia; Dio ne è testimone. 6 E non abbiamo cercato gloria dagli uomini, né da voi, né da altri, sebbene, come apostoli di Cristo, avessimo potuto far valere la nostra autorità;
COMPIACERE DIO O GLI UOMINI?
Sembra che la risposta sia scontata.. ma lo è davvero?

1 Tessalonicesi 2:4

<<…come siamo stati approvati da Dio da esserci affidato l’evangelo, così parliamo non in modo da piacere agli uomini, ma a Dio che prova i nostri cuori.>>
Dio esamina costantemente i cuori di tutti quelli che predicano il Vangelo, per vedere se stanno cercando di piacere a Lui solo, o se lo fanno cercando di compiacere gli ascoltatori.
Cercare l’onore e il compiacimento degli uomini è un peccato che non è sufficientemente riconosciuto e denunciato nel cristianesimo.

Altri peccati sono facilmente riconoscibili, ma non questo. Cercare l’onore dell’uomo è un peccato molto grave. Tale persona non può mai essere servitore di Cristo.

Galati 1:10
E ancora:

1 Tessalonicesi 2:5


Paolo non ha mai lusingato nessuno nella sua predicazione.

Non ha mai detto niente per accattivarsi il favore di chi era ricco o potente nella chiesa – nemmeno in conversazioni private.

Molti predicatori, oggi, applaudono coloro che nella comunità sono ricchi e influenti, per ottenere qualche beneficio da loro.

Ma un vero servo di Dio non potrà mai adulare nessuno. Paolo afferma chiaramente davanti a Dio che non ha mai predicato per “fare soldi”.

Molti predicatori,invece, sanno molto bene come manipolare le persone affinché si sentano spinte a dare una sostanziosa offerta. Il fatto è che se dovessero mai predicare in verità ciò che Dio vorrebbe veramente, sarebbero rifiutati e scacciati dalla maggior parte delle chiese moderne.

Gran parte dei predicatori desiderano essere invitati da grandi chiese ricche e annunciano ciò che alle persone piace sentirsi dire. Esattamente come i FALSI PROFETI descritti in tutta la Bibbia.

Nella predicazione di Paolo non c’è spazio per la ricerca della gloria umana.

1 Tessalonicesi 2:6

Né ha affermato la sua autorità sulle persone, sebbene, come apostolo, avrebbe potuto (eccetto nei gravi casi di palesi peccati e ribellioni). Bastano già le scritture sopra citate per insegnarci come servire Signore.

Tutti quelli che servono il Signore devono meditare su questa sezione della Scrittura e su come Paolo non abbia mai cercato:
NESSUNA LUSINGA, NESSUN DESIDERIO DI DENARO, NESSUNA RICERCA DI GLORIA UMANA, NESSUNA AFFERMAZIONE E IMPOSIZIONE DI AUTORITÀ.

Cose che invece oggi si trovano abbondantemente sparse in molte chiese e comunità.

Questo per quanto riguarda COME SI PONE IL VERO SERVO DI CRISTO.

Nella seconda parte vedremo come PONE UN VERO SERVO DI CRISTO.

Continua…


Claudio Sabatino | Notiziecristiane.com

VARIE TESTMONIANZE CRISTIANE

NOTIZIE DA MONDO

NOTIZIE VARIE - ITALIA


}, 10);