.feed-links { display:none; } -->
Italy English Español Portugeus Belgium Netherland Français Deutsch Israel Seguci su: Twitter Seguci su: Facebook Seguci su: Twitter Instagram IN RETE DAL 2005

Perché Dio ha tanto amato il mondo che, ha dato il Suo Unigenito Figlio, affinché chiunque crede in Lui non perisca, ma abbia vita eterna. Giovanni 3:16 |

ULTIME NOTIZIE - EDAP: Evangelo Dottrina Avvento Profetico

▼ PRIMO PIANO ▼

mercoledì 13 settembre 2017

NOTIZIE. Chi crede e chi no: la sorprendente mappa mondiale della fede

Il paese più religioso è la Thailandia, quello con più scettici la Cina. La Spagna è al quinto posto tra gli atei.

Il sondaggio risale ad un paio di anni fa, ma è comuqnue ancora attuale. Secondo questo studio dell'Istituto WIN/Gallup International, la maggior parte degli abitanti della Terra è religioso. Crede in Dio infatti il 63% della popolazione mondiale, mentre è scettica una persona su cinque (22%) e una su dieci (11%) si dichiara «atea convinta».

Sono questi i risultati del più grande sondaggio in materia religiosa realizzato da WIN/Gallup International su un campione di 63.898 persone in 65 nazioni, dal quale emerge anche che la Cina è il paese con il maggior numero di non credenti (61%) seguita a grande distanza da Hong Kong (34%), Giappone (31%), Repubblica Ceca (30%) e la ex cattolicissima Spagna (20%).

Dall'altro lato della piramide, si scopre che il paese più religioso del mondo è la Thailandia, che fa segnare il 94% di credenti, seguita da Armenia (93%), Bangladesh (93%), Georgia (93%) e Morocco (93%). A livello più generale, Africa e Medio Oriente sono le zone del mondo in cui vivono più credenti (con l'86% e 82% di abitanti rispettivamente che dicono di credere in Dio), seguite dall'Europa dell'Est che con il suo 71% di credenti supera l'America, ferma al 66%.

L'Asia è a quota 62%, mentre nell'Europa occidentale i credenti sono meno della metà della popolazione (43%), un dato quasi uguale a quello registrato in Oceania (44%). E sempre in Oceania ed Europa occidentale si registra, coerentemente, la più alta percentuale di «atei convinti», che rappresentano rispettivamente il 12% e 14% degli abitanti. Interessante il dato di Israele, dove ben il 65% della popolazione si dichiara non religioso; in Russia, al contrario, i credenti sono il 70%.

Il sondaggio ha indagato anche il rapporto tra fede e classi di età e di censo, sfatando alcune credenze comuni e confermandone altre. I giovani con meno di 34 anni, per esempio, tendono a essere più religiosi degli altri (66% contro il 60% di media dei più anziani), mentre si registra un calo della fede al crescere della ricchezza: i religiosi tra coloro che detengono un reddito alto o molto alto sono poco meno della metà, ma diventano il 70% nelle classi di reddito inferiori. Anche la quota di atei convinti è molto superiore tra i ricchi (addirittura il 25% nella fascia più alta) che tra i poveri (nella fascia più bassa arrivano solo al 6%).

(fonte Vita.it)

VARIE TESTMONIANZE CRISTIANE

}, 10);