.feed-links { display:none; } -->
Italy English Español Portugeus Belgium Netherland Français Deutsch Israel Seguci su: Twitter Seguci su: Facebook Seguci su: Twitter Instagram IN RETE DAL 2005

Perché Dio ha tanto amato il mondo che, ha dato il Suo Unigenito Figlio, affinché chiunque crede in Lui non perisca, ma abbia vita eterna. Giovanni 3:16 |

ULTIME NOTIZIE - EDAP: Evangelo Dottrina Avvento Profetico

▼ PRIMO PIANO ▼

venerdì 15 dicembre 2017

MONDO. Madhya Pradesh, arrestati quattro cristiani pentecostali

Tra i detenuti, anche il pastore Karan. I poliziotti fanno irruzione nella Bethel Church e interrompono le preghiere per l’Avvento. Sajan K George: “Nelle piccole aree remote Gesù è l’unico rifugio”.
Mumbai – La polizia del Madhya Pradesh ha arrestato quattro cristiani pentecostali, tra cui un pastore.
Il 10 dicembre scorso [domenica] gli agenti hanno fatto irruzione nella Bethel Church, nel villaggio di Kalibai, distretto di Dewas. Lì erano radunate circa 30 persone, raccolte in preghiera nella seconda domenica di Avvento. I poliziotti hanno fermato il pastore Karan e i fedeli Kiram, Bhikha e Bagwan Singh. Poi li hanno trasportati alla stazione di Khategaon, dove sono tutt’ora detenuti. Ad AsiaNews Sajan K George, presidente del Global Council of Indian Christians (Gcic), denuncia l’illegalità dell’arresto e lamenta: “È solo l’ultimo episodio di intolleranza contro i cristiani”.

Secondo il presidente del Gcic, “i cristiani sono sempre più intimiditi e molestati. Tra di loro c’è una palpabile paura, soprattutto durante questo periodo di Avvento, dove nelle piccole chiese avvengono servizi di preghiera e funzioni in preparazione alla nascita del Nostro Signore Gesù Cristo”. Sajan K George cita anche la legge anticonversione, “strumento di molestie da parte dei gruppi radicali di destra, con cui essi accusano i cristiani di conversioni estorte con la forza e spingono la polizia ad intervenire in maniera tempestiva per arrestarli”.

In Madhya Pradesh è in vigore la famosa legge anticonversione, nel 2013 emendata in senso ancora più restrittivo, che punisce chi tenta di convertire gli indù al cristianesimo. Il Madhya Pradesh Freedom of Religion Act è entrato in vigore nel 1968 e dovrebbe vietare le conversioni ottenute con forza o con soldi. Tuttavia, tale provvedimento viene sfruttato in larga parte per perseguitare i cristiani, producendo false accuse di conversioni forzate, e chi decide di abbracciare religioni diverse dall’induismo.

L’attivista cristiano conclude: “Nelle piccole aree remote dove Gesù è l’unico rifugio per le persone, dove la gente viene e sperimenta il profondo senso di pace e appartenenza alla comunità di fedeli, i gruppi estremisti interrompono i momenti di adorazione. Essi usano la violenza malmenando anche donne e bambini”.

Nirmala Carvalho | Asianews.it

VARIE TESTMONIANZE CRISTIANE

}, 10);