.feed-links { display:none; } -->
Italy English Español Portugeus Belgium Netherland Français Deutsch Israel Seguci su: Twitter Seguci su: Facebook Seguci su: Twitter Instagram IN RETE DAL 2005

Perché Dio ha tanto amato il mondo che, ha dato il Suo Unigenito Figlio, affinché chiunque crede in Lui non perisca, ma abbia vita eterna. Giovanni 3:16 |

ULTIME NOTIZIE - EDAP: Evangelo Dottrina Avvento Profetico

▼ PRIMO PIANO ▼

martedì 19 dicembre 2017

VERSETTI. Mosè entrava nella tenda di convegno

I due cherubini dell'arca della testimonianza potrebbero rappresentare Dio Figlio e Dio Spirito Santo. Dio Padre parlava tra i due cherubini. 
Sia Dio Figlio che Dio Spirito Santo in Genesi 19:1 vengono chiamati con il termine "angeli".
 Il termine "angelo" significa "messaggero". Non si tratta di due angeli creati. Forse i cherubini dell'arca della testimonianza rappresentano i due messaggeri di Dio Padre che apparivano spesso nella Bibbia. 
Infatti l'angelo del SIGNORE che appare varie volte nella Bibbia è Dio (Giudici capitolo 13). Delle volte poteva essere Dio Figlio e altre volte Dio Spirito Santo.
E quando Mosè entrava nella tenda di convegno per parlare con il SIGNORE, udiva la voce che gli parlava dall'alto del propiziatorio che è sull'arca della testimonianza fra i due cherubini; e il SIGNORE gli parlava. (Numeri 7:89)

Fonte: studioteologico

VARIE TESTMONIANZE CRISTIANE

}, 10);