.feed-links { display:none; } -->
Italy English Español Portugeus Belgium Netherland Français Deutsch Israel Seguci su: Twitter Seguci su: Facebook Seguci su: Twitter Instagram IN RETE DAL 2005

Perché Dio ha tanto amato il mondo che, ha dato il Suo Unigenito Figlio, affinché chiunque crede in Lui non perisca, ma abbia vita eterna. Giovanni 3:16 |

ULTIME NOTIZIE - EDAP: Evangelo Dottrina Avvento Profetico

▼ PRIMO PIANO ▼

martedì 20 febbraio 2018

EDIFICAZIONE. Il grande Medico

Leggi: Matteo 4:23-5:12 | La Bibbia in un anno: Levitico 26-27 Marco 2

Dimorate in Me, e Io dimorerò in voi.—Giovanni 15:4
Quando il Dr Rishi Manchanda chiede ai suoi pazienti “Da dove vieni?” non è l’indirizzo ad interessarlo. Ha capito che c’è un problema. I pazienti che vengono da lui spesso provengono da luoghi in cui le condizioni ambientali sono molto stressanti. Muffe, parassiti e tossine ammalano quelle persone.
Così il Dr Manchanda è diventato portavoce per quei medici che cercano di risolvere i problemi “a monte”. Ovvero, dottori che, oltre a provvedere le cure mediche più urgenti, lavorano per dare ai pazienti e alle loro comunità condizioni di vita più sane.

Quando Gesù guariva coloro che venivano a Lui (Matteo 4:23-24), cercava sempre di far in modo che essi guardassero oltre i loro bisogni fisici e materiali più urgenti. Con il Sermone sul Monte, Gesù offrì più che solo una ricetta per una guarigione (5:1-12). Ben sette volte Gesù descrive gli atteggiamenti del cuore e della mente che riflettono un benessere vero, interiore – un benessere che inizia con un modo nuovo di vedere le cose, con una felicità spirituale (vv. 3-9). Per due volte Gesù chiama beati coloro che affrontano le persecuzioni eppure trovano la loro speranza e dimora in Lui (vv. 10-12).

Le parole di Gesù mi fanno riflettere. Da dove vengo io? Sono consapevole del mio bisogno di un benessere che vada al di là delle cure urgenti per i miei bisogni fisici o materiali? Mentre domando un miracolo, desidero veramente avere quel cuore di chi è povero, affamato, misericordioso, pacifico, e che Gesù definisce beato?

Padre Celeste, è molto difficile guardare oltre il nostro dolore. Ti prego, facci sentire la Tua misericordia in questo momento. Fa’ che possiamo alzare lo sguardo oltre noi stessi. Aiutaci a trovare una nuova prospettiva e la fonte della vera salute nella cura di Cristo, Colui che guarisce veramente.
Quando Dio è la nostra dimora, la nostra speranza è in Lui.

Fonte: IlNostroPaneQuotidiano
}, 10);