.feed-links { display:none; } -->
Italy English Español Portugeus Belgium Netherland Français Deutsch Israel Seguci su: Twitter Seguci su: Facebook Seguci su: Twitter Instagram IN RETE DAL 2005

Perché Dio ha tanto amato il mondo che, ha dato il Suo Unigenito Figlio, affinché chiunque crede in Lui non perisca, ma abbia vita eterna. Giovanni 3:16 |

ULTIME NOTIZIE - EDAP: Evangelo Dottrina Avvento Profetico

▼ PRIMO PIANO ▼

martedì 6 febbraio 2018

EDIFICAZIONE. Lodare in mezzo ai problemi

Leggi: Giobbe 1:13-22 | La Bibbia in un anno: Esodo 39-40 Matteo 23:23-39
Abbiamo accettato il bene dalla mano di Dio, e rifiuteremmo di accettare il male?—Giobbe 2:10
“È cancro”. Volevo tanto essere forte quando sentii mia mamma pronunciare quelle parole. Ma scoppiai a piangere. Sono parole che non vorresti mai sentire, nemmeno una volta. Ma questa era la terza battaglia che mia madre combatteva contro il cancro. Dopo una mammografia e biopsia di routine,
aveva scoperto di avere un tumore maligno sotto l’ascella.


Nonostante fosse lei ad aver ricevuto una brutta notizia, si ritrovò a consolare me. E la sua risposta mi aprì gli occhi: “So che Dio è sempre buono con me. Dio è fedele, sempre”. Anche durante la delicata operazione chirurgica e la radioterapia che seguì, mamma era serena perché sentiva la presenza e la fedeltà di Dio.

Un po’ come Giobbe. Un uomo che aveva perso i suoi figli, la salute e il benessere. Ma dopo aver sentito le cattive notizie, in Giobbe 1:20 leggiamo che egli “si prostrò a terra e adorò”. E quando gli fu consigliato di maledire Dio, Giobbe disse: “Abbiamo accettato il bene dalla mano di Dio, e rifiuteremo di accettare il male?” (2:10). Come prima reazione è davvero impressionante. Anche se più avanti Giobbe si lamentò, alla fine comprese profondamente che Dio non era mai cambiato. Giobbe sapeva che Dio era con lui e che gli importava.

Per molti di noi, non è la lode la prima reazione davanti alle difficoltà. A volte il dolore nelle nostre circostanze è talmente travolgente che prevale la rabbia o la paura. Ma osservare da vicino la reazione di mia mamma mi ha ricordato che Dio è sempre presente, sempre buono. Egli ci accompagnerà nei momenti più bui.

Signore, preparami per i momenti in cui lodarti sarà più difficile. Anche nei nostri momenti peggiori, possiamo alzare lo sguardo al Signore.

Fonte: ilnostropanequotidiano

VARIE TESTMONIANZE CRISTIANE

}, 10);